News

"Bene riportare parità di condizioni per tutti gli esercizi commerciali"

Le associazioni del commercio, preso atto dei contenuti dell’ordinanza del presidente della Regione Toscana relativa alle misure igienico-sanitarie per le attività economiche, esprimono apprezzamento per il ripristino della parità di condizioni per tutti gli esercizi commerciali. “La distanza sociale, stabilita di norma in 1,80 mt, è per noi molto impegnativa, probabilmente difficile da far rispettare in tutte le circostanze, anche se applicabile a tutte le tipologie di attività” affermano i presidenti di Confcommercio Toscana Anna Lapini e di Confesercenti Toscana Nico Gronchi. “Apprezzabili poi i chiarimenti circa l’interpretazione da dare al concetto di “sanificazione”. Particolare soddisfazione per la preannunciata autorizzazione all’attività di asporto per i ristoratori.

Leggi tutto

Marinoni: "rimodelliamo la nostra vita a prova di virus"

Sulle colonne della Nazione di Firenze, il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni fa un'analisi della situazione: “serve una ripartenza vera, appena ci saranno le condizioni per affrontare il nuovo mondo che ci aspetta. Perché nulla sarà più come prima. Siamo in guerra, ma ai soldati non si chiede di pagarsi da soli armi, munizioni e divise per combattere. Del costo di una guerra deve farsene carico lo Stato. Non avevamo chiesto aiuto per indebitarci ulteriormente, ma per andare avanti salvando l’occupazione, che è un bene di tutti, non solo delle imprese".

Leggi tutto

Il regime anti Covid prorogato al 3 maggio

Lo ha deciso il nuovo DPCM del 10 aprile 2020. Ma intanto possono riaprire cartolerie, librerie e negozi di abbigliamento per neonati e bambini. Purché, come prescrive l’Ordinanza della Regione Toscana del 13 aprile, rispettino alcuni comportamenti e procedure: sanificazione dei locali, distanza di sicurezza tra le persone, uso del mezzo proprio e dei dispositivi di protezione (guanti e mascherine). In caso di febbre o sintomi influenzali, obbligo di rimanere a casa per titolari e lavoratori. Per chiarimenti, contattare la sede Confcommercio più vicina.

Leggi tutto

"Inammissibile favorire le imprese della grande distribuzione a discapito delle altre"

Dopo la decisione della Regione Toscana di autorizzare la vendita di materiale di cancelleria, giocattoli, fiori e piante all’interno dei supermercati, l’associazione di categoria alza la protesta a nome di cartolerie e cartolibrerie, fioristi e giocattolai. “Piccoli negozi che a fatica stavano cercando di esaudire le richieste dei propri clienti con le consegne a domicilio, ora si trovano buttate fuori dal mercato come fossero figli di un dio minore”, dice il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni. I pericoli per la salute: “così aumenteranno file e persone nei centri della grande distribuzione”

Leggi tutto

"Take away", Confcommercio chiede il via libera alla Regione

Autorizzare per ristoranti, pasticcerie e gelaterie l'attività di vendita per asporto, unitamente a quella già possibile di consegna a domicilio. Lo ha chiesto formalmente Confcommercio Toscana alla Regione, con una lettera firmata dalla presidente regionale Anna Lapini e dal presidente di Fipe Confcommercio Toscana Aldo Cursano e indirizzata al presidente della Regione Enrico Rossi e all'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo. "In questa emergenza epidemiologica i vari provvedimenti che sono stati adottati ai diversi livelli rischiano di generare una discriminazione tra le attività economiche del settore alimentare".

Leggi tutto

Ristorazione e Covid 19, Fipe lancia "Ristoacasa.net"

Se il mantra di queste settimane per le famiglie italiane è #iorestoacasa, i pubblici esercizi si lanciano nella proposta di #ristoacasa. Questo è il nome della vetrina digitale dei ristoranti che hanno attivato il servizio di food delivery. La Federazione Italiana Pubblici Esercizi di Confcommercio supporta così gli imprenditori che in questo periodo di chiusura forzata dei locali hanno deciso di avviare il servizio di consegna a domicilio dei pasti. “Per molti ristoranti è l’unico modo per tenere in piedi l’attività, dice il presidente di Fipe Confcommercio Toscana Aldo Cursano - ma noi chiediamo che sia permesso di ripristinare anche il take away: prenotazioni on line o telefoniche per pasti che il cliente, su appuntamento, viene a ritirare al ristorante e poi consuma in piena sicurezza a casa sua ”.

Leggi tutto

Allarme di Federmoda: il futuro dei negozi in pericolo

La presidente regionale di Federmoda-Confcommercio Toscana Federica Grassini: “quest’anno fatturati dimezzati se non peggio. Servono provvedimenti urgenti. Con il protrarsi dell’emergenza e non esistendo certezze, le nostre stime ci portano a prevedere un calo che può arrivare almeno al 50% annuo. Chiediamo alla Regione Toscana e al Governo un’urgente e responsabile riflessione. Se non si prende atto dell’emergenza che il comparto moda sta vivendo e non si interviene con provvedimenti specifici a sostegno, molti negozi non sopravviveranno, con ricadute sociali disastrose".

Leggi tutto

Regione Toscana: "stop al pagamento delle rate dei prestiti erogati"

Le imprese che hanno beneficiato di finanziamenti regionali per le quali risulti un piano di rientro ancora in corso possono richiedere la sospensione delle rate così come previsto dal D.L. 18/2020 Decreto "Cura Italia". La sospensione opera fino al 30 settembre 2020 su tutte le rate in scadenza prima del 30 settembre 2020. Per maggiori informazioni, contattare la sede Confcommercio più vicina.

Leggi tutto

Da Intesa Sanpaolo 2 miliardi per i soci Confcommercio

Il plafond è finalizzato a sostenere le imprese e i professionisti in questo momento, garantendo la gestione dei pagamenti urgenti e delle esigenze immediate di liquidità. Per Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia, si tratta di "un aiuto tangibile e concreto in questa fase di piena emergenza economica, dove c’è bisogno in primis di liquidità immediata e di facilitare il più possibile gli iter burocratici per l'accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese del terziario di mercato”. Per informazioni sull'accesso al plafond di Intesa Sanpaolo, contattare la sede territoriale Confcommercio più vicina.

Leggi tutto