Fondazione

La Fondazione è nata nel 2007 per perseguire scopi di utilità e solidarietà sociale a favore della collettività, con particolare attenzione alle persone del mondo imprenditoriale toscano che si trovino in situazione di disagio economico e sociale.

Come agisce?

 

  • Corrispondendo, direttamente o indirettamente, aiuti di tipo economico, medico, assistenziale, previdenziale.
  • Promuovendo iniziative formative anche in collaborazione con altre istituzioni.

Destina il tuo 5x1000 alla Fondazione Confcommercio ToscanaOnlus!
Nel riquadro "Sostegno del volontariato" firma e indica il codice fiscale 94148730487.

Ci aiuterai

  • ad assistere soggetti in particolare disagio economico anche a causa di eventi calamitosi;
  • a promuovere e sostenere iniziative per prevenire l'usura;
  • a collaborare con le associazioni che si occupano dell'assistenza domiciliare agli anziani;
  • a dare sostegno alle associazioni locali impegnate nella lotta ai tumori per l'acquisto di nuovi strumenti.

 

Scarica la locandina e il volantino di Fondazione Confcommercio Toscana Onlus. 

Conosci le precedenti attività di Fondazione Confcommercio Toscana Onlus. 

 

News

Maestri di sci, un aiuto dalla Regione Toscana

Entro il 15 marzo è possibile inoltrare on line la domanda per accedere al contributo stanziato dal Consiglio Regionale della Toscana per sostenere i maestri di sci operanti sul territorio e iscritti all'apposito Albo, colpiti dalla crisi economica causata dal Covid-19. I contributi sono concessi entro il limite di 800,00 euro per ogni avente diritto, sulla base del numero delle domande validamente presentate e tenuto conto delle risorse disponibili, che arrivano a 200mila euro complessive. Per informazioni e assistenza, rivolgersi alla sede territoriale Confcommercio più vicina.

Leggi tutto

Ristorazione, "qualcosa si muove per le imprese del settore"

Lo conferma il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni: "Fipe-Confcommercio ha chiesto al ministro allo sviluppo economico Giorgetti che vengano approvate rapidamente misure serie e tangibili, attraverso il decreto ristori, per avere indennizzi a fondo perduto calcolati sul reale calo dei fatturati. Ha chiesto anche un piano di effettiva ripartenza per una riapertura graduale ma stabile delle attività, in modo che si possa stare aperti a pranzo e cena quando siamo in fascia gialla e almeno a pranzo quando siamo in fascia arancione. Attendiamo fiduciosi. Attenzione anche perché, nel frattempo, stanno arrivando i primi bonifici del bonus filiera".

Leggi tutto

Il terziario si mobilita: il 1° marzo tutti in piazza nelle città toscane

Presentata a Firenze, nel corso della conferenza stampa ospitata nella sede della Camera di Commercio, la manifestazione “Salviamo le imprese. Salute e lavoro possono convivere” organizzata a livello regionale dalle associazioni di categoria del terziario Confcommercio e Confesercenti. Nelle principali città toscane, lunedì prossimo i titolari di imprese del commercio, turismo e servizi, dipendenti, collaboratori, fornitori, liberi professionisti e semplici cittadini formeranno in strada una simbolica “catena umana” per affermare il principio che salute e lavoro devono convivere, chiedendo una alternativa alle chiusure imposte dalle normative antiCovid e che, finora, si sono dimostrate purtroppo inutili per fermare i contagi.

Leggi tutto