“IL CAFFÈ FA BENE ALLA SALUTE”, FIPE-CONFCOMMERCIO TOSCANA RASSICURA GLI APPASSIONATI DELL’ESPRESSO

10/04/2018

Il presidente Aldo Cursano interviene per frenare ogni allarmismo, dopo la decisione di un giudice californiano di segnalare con una etichetta l’ipotetico effetto cancerogeno del caffè. “Gli amanti del caffè al bar e al ristorante possono stare tranquilli: è un prodotto controllato e sicuro, con effetti benefici su corpo e psiche. Ce lo dicono anche gli studi scientifici”. Ogni anno in Italia si servono 6 miliardi di tazzine, oltre cento milioni nella sola provincia di Firenze.

“Gli amanti del caffè al bar e al ristorante possono stare tranquilli: è un prodotto controllato e sicuro, con effetti benefici su corpo e psiche”. Il presidente di Fipe-Confcommercio Toscana Aldo Cursano interviene così nella polemica scatenata in questi giorni dalla decisione del giudice californiano Elihu M. Berle di segnalare con un’apposita etichetta l’ipotetico "effetto cancerogeno" della bevanda più famosa nel mondo.

Responsabile dell'ingiustificata psicosi, l'acrilammide, una molecola generata nel processo di tostatura del caffè.  “Si genera anche in altri processi, tipo frittura e cottura, utilizzati per pane, patatine, biscotti e altri generi alimentari”, spiega Cursano, “ma studi scientifici dimostrano che ha un ruolo secondario nell'insorgenza di qualsiasi forma tumorale, senza contare che i livelli di acrilammide nel caffè tostato risultano significativamente inferiori ai limiti previsti dal regolamento comunitario".

“Ogni allarmismo è quindi ingiustificato”, ribadisce il presidente della Fipe-Confcommercio Toscana, “il caffè è e rimane un piacere sicuro per la salute. Anche l'International Agency for Research on Cancer, dopo aver effettuato una revisione su oltre mille studi scientifici, ha confermato che non c’è alcuna correlazione tra consumo di caffè e aumento del rischio di cancro. Anzi, il caffè ne sarebbe addirittura nemico: per lo Iarc bere una media di 3-4 tazzine al giorno, ovviamente in assenza di patologie particolari, può contribuire a ridurre il rischio di cancro al fegato, alla prostata, al colon, al cavo orale, e contribuisce alla riduzione del rischio del diabete. Senza contare che il caffè contiene centinaia di composti con potenziali effetti bioattivi antinfiammatori, antiossidanti e anticancerogeni”.

Davvero una buona notizia per gli appassionati dell’espresso. Secondo la stima di Fipe-Confcommercio, ogni anno in Italia i pubblici esercizi servono almeno 6 miliardi di tazzine, delle quali oltre cento milioni in provincia di Firenze.